L’Anne néuve: l’augurio di Fernando D’Annunzio

Fernando D’Annunzio

Fernando D’AnnunzioDudici mèise… sùbbete ha passäte,
‘n’anne s’é ffatte vicchie e ‘n’addr’ é nnäte.
Cunduinde l’anne néuve fištiggiäme
e cunduinde dapù l’assutturruäme.

‘Na chése é cèrte, ogne anne che pàsse
n’ zi sä che pôrte ma si sä che llâsse.
E’ sèmbre bbèlle l’ânne canda nâsce,
lèšte dapù l’allunguäme a la câsce.

Accusciuè va lu fuâtte, n’ g’é dda fä’,
nu’ sém’ amânde di la nuvutä’.
E’ bbille nuštalgìje e ricurdanze,
ma cchiù di tîtte é bbelle la sperânze.

E menumuèle ca speràme sèmbre,
da Jinnäre schinènze a Dicèmbre.

Speriäme… tânde nin cošte nijènde…
E lu Bbon Capedânne a ttuttiquènde!

Fernando D’Annunzio

Traduzione dal dialetto vastese:

Anno vecchio e anno nuovo
Dodici mesi… in fretta son passati, / un anno ormai
è vecchio e un altro è nato. / Contenti l’anno nuovo
festeggiamo / e contenti poi lo sotterriamo.

Una cosa è certa, ogni anno che passa / non si sa
cosa porta ma si sa cosa lascia. / E’ sempre bello
l’anno che nasce, / in fretta poi lo poniamo nella bara.

Così funziona e non c’è da fare, / noi siamo amanti
di ciò che è nuovo. / Sono belli nostalgia e ricordi, /
ma più di ogni altra cosa è bella la speranza.

E menomale che speriamo sempre, / da Gennaio
fino a Dicembre.
Speriamo… tanto non ci costa niente… / E Buon
Capodanno a tutti quanti!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>